PCTO

Un'occasione per crescere

Con l’alternanza scuola lavoro si riconosce un valore formativo equivalente ai percorsi realizzati in azienda e a quelli curricolari svolti nel contesto scolastico. Attraverso la metodologia dell’alternanza si permettono l’acquisizione, lo sviluppo e l’applicazione di competenze specifiche previste dai profili educativi, culturali e professionali dei diversi corsi di studio e alcune fondamentali competenze trasversali e di cittadinanza attiva.

L’articolo 33 della legge 107/2015 prevede inoltre che:

“Al fine di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti, i percorsi di alternanza scuola-lavoro di cui al decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77, sono attuati, negli istituti tecnici e professionali, per una durata complessiva, nel secondo biennio e nell’ultimo anno del percorso di studi, di almeno 400 ore e, nei licei, per una durata complessiva di almeno 200 ore nel triennio.”

Già dall’anno scolastico 2015-16 sono iniziati, nella nostra scuola, percorsi di ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO (ASL) in settori specifici per indirizzo di studi: istituti e luoghi della cultura, strutture ricettive, Aziende ospedaliere, istituti di ricerca, laboratori di analisi, Banche e istituti finanziari, Università, uffici amministrativi, musei.

Le esperienze in azienda sono accompagnate, precedute e progettate assieme ad alcuni momenti formativi fondamentali quali: il corso sulla sicurezza (rischio medio /alto a seconda dell’indirizzo scolastico); alcune ore di formazione generale in aula; la stesura di una relazione riguardante il percorso effettuato; la socializzazione della stessa da parte degli studenti coinvolti nel percorso.

Tutte queste attività, volte a promuovere la capacità di comunicare in pubblico, favoriscono il senso critico, la creatività, le competenze relazionali e lo sviluppo dell’intelligenza emotiva.

  1. arricchire la formazione acquisita nei percorsi scolastici con competenze spendibili nel mondo del lavoro creando un’occasione di confronto tra le nozioni apprese con lo studio delle discipline scolastiche e l’esperienza lavorativa;
  2. favorire l’orientamento dei giovani per valorizzare le vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento e facilitarne le scelte successive rafforzando l’autostima e la capacità di progettare il proprio futuro;
  3. favorire la capacità di concentrazione e quella di eseguire le mansioni affidate in autonomia; la flessibilità, la determinazione, la tensione all’obbiettivo.
  4. promuovere il senso di responsabilità, la puntualità e la capacità di tener fede all’impegno preso, rafforzando il rispetto delle regole;
  5. sviluppare la capacità di comunicazione con persone che rivestono ruoli diversi all’interno della società e del mondo del lavoro;
  6. realizzare modalità di apprendimento flessibili ma equivalenti a quelle tradizionali capaci di collegare scuola e azienda rendendo quest’ultima consapevole dei percorsi formativi attuati in aula;
  7. correlare l’offerta formativa allo sviluppo sociale ed economico del territorio;

La funzione strumentale Alternanza scuola-lavoro del nostro istituto, anche avvalendosi della decennale esperienza nell’organizzazione di stage estivi, ha creato, e continuamente amplia e perfeziona, una rete di contatti con aziende ed enti del territorio che ci consente di garantire un’esperienza veramente formativa e specifica per i nostri alunni.